Social Listening: gli utenti si ascoltano così….

Social Listening: gli utenti si ascoltano così….

Copywriter, blogger, aziende e professionisti: iniziamo tutti a usare i social con l’intento di trovare clienti, aumentare il traffico in entrata al nostro sito e/o blog, incrementare il numero di conversioni o d’iscritti. Certamente, i motivi principali sono questi. Poi, ovviamente, il fatto che ci piaccia usarli nel privato è un’altra cosa in quanto, quando un profilo è molto attivo e ha molti amici… sicuramente funziona meglio di una fanpage: ha sempre un engagement più facile da elevare (accade praticamente in modo spontaneo). Tuttavia, a parte le condivisioni e le interazioni, ci sono altre cose che possiamo fare sui social, soprattutto se abbiamo un’attività da far crescere e un brand da far conoscere.

Dobbiamo ascoltare. Si tratta del Social Listening.

Intuire o andare sul sicuro? Meglio la seconda, no?

Certo, ciò che piace a me piace a moltissime altre persone. È un dato di fatto. Perciò, puoi intuire cosa vogliono i tuoi potenziali clienti e/o lettori, ma puoi anche andare sul sicuro, usando una valida strategia che ti possa aiutare a creare i giusti contenuti, basati specificatamente sugli interessi del tuo target di riferimento. Quali sono i passi da compiere?

1.Osserva frequentemente gli Insight della tua pagina di Facebook: quali sono i post che hanno ottenuto i risultati migliori? Da questo puoi capire non solo i temi ai quali sono interessati gli utenti, ma anche l’orario migliore per pubblicare e la fascia d’età di chi ti segue (un elemento valido per capire tono, argomenti e persino le tipologie di offerte che eventualmente puoi proporre ai fan della tua pagina).

2.Controlla gli Instagram Insight per capire quali sono i contenuti visual più amati, che naturalmente puoi usare sul tuo blog. Potrai usare questa attività di Social Listening persino per avviare una valida attività di visual storytelling sull’app di photo sharing: in questo modo, potrai aumentare l’engagement e il numero di followers, ed elevare il loro interesse verso i tuoi contenuti.

3.Usa Twitter nel modo giusto, per tenere traccia degli interessi del tuo target e dei trend attuali. Per farlo, puoi tenere sotto controllo alcune parole chiave relative alla tua attività, gli hashtag e le tendenze (nella colonna a sinistra sulla home di Twitter). Puoi anche creare delle liste dal tuo profilo e suddividere in gruppi i tuoi clienti, i tuoi competitors e coloro da cui magari prendi spunto per la realizzazione dei tuoi contenuti blog e/o prodotti. Poi, potrai seguire i gruppi e prendere nota dei tweet che hanno totalizzato un maggior engagement.

I tool online per il Social Listening

BuzzSumo – Tu scegli un topic e il tool trova tutte le relative condivisioni e opinioni a riguardo. È a pagamento, ma offre un periodo di prova di 14 giorni.

Hootsuite – Da qui puoi gestire i tuoi account, programmando i post sui vari social network. Ti permette inoltre di ascoltare il tuo pubblico, tenere sotto controllo le esigenze di mercato e capire le tendenze e gli interessi relativamente ad uno specifico argomento o settore. Anche questo tool per il social listening è a pagamento e propone una prova gratuita di 30 giorni.

Tweetdeck – Utile per il monitoraggio di Twitter, è gratuito e presenta un’interfaccia in cui vengono raggruppati tweet (e non solo). Grazie ad esso, puoi seguire con attenzione gli aggiornamenti che più ti interessano e monitorare più account che ti appartengono. Followerwonk è un altro tool che ha quasi le stesse caratteristiche di Tweetdeck. Puoi anche usare Twazzup.

Social Mention – Cerchi una parola chiave e ti dice quante volte è stata menzionata, le probabilità di condivisione di un contenuto che presenta questa keyword, il pubblico potenzialmente raggiunto dalla parola e molto altro…

Potrai usare persino Google Alerts, seguire le parole chiave e controllare le condivisioni effettuate sui vari post pubblicati per la tematica che tratti e che ti interessa seguire.

Ci sono tanti altri tool utili per ascoltare i tuoi potenziali clienti e/o lettori e capire i loro interessi tramite le loro attività sulle piattaforme sociali, ma la maggior parte di essi sono in inglese. Perciò, dovrai certamente provarli a mente lucida. Grazie ad essi, potrai usare la tecnica del Social Listening per capire cosa trattare sul tuo blog, quali sono le esigenze dei tuoi lettori/clienti e, perciò, potrai riuscire a soddisfare il tuo pubblico di riferimento.



Lascia un commento o condividi una tua opinione!