Link building di successo: ecco alcuni consigli per il 2018

Link building di successo: ecco alcuni consigli per il 2018

Sito nuovo, backlink nuovi. Sì, è un po’ noioso e talvolta difficile, ma dobbiamo farlo. Quella della link building è un’attività che richiede tempo, iniziativa e, molte volte, anche una gran capacità di interagire. Infatti, bisogna fare un po’ di networking per riuscire ad avvalersi di una rete di backlinks che possano fare la differenza per il successo del nostro sito web e/o blog. Per quanto riguarda il 2018, sarà sicuramente imperativo darsi da fare in questo senso.

Perché link building?

Lo sai, a Google piacciono i link. Gli piacciono quelli interni, quelli esterni e quelli che reindirizzano ai nostri siti. Questi ultimi, in particolare, sono un indice di autorevolezza agli occhi di un motore di ricerca. Ora, non starò ad entrare nei dettagli in quanto, potrei darti statistiche, parlare del vecchio Pagerank o del catastrofico trust flow, del fatto che troppi link in entrata al tuo sito arrivati in contemporanea insospettiscono Google e possono causare una penalizzazione… ma la verità è che tutta questa faccenda è una vera palla al piede. Ma ci tocca e quindi… che ci dobbiamo fare? Niente, dobbiamo solo darci da fare e fare le cose come meglio possiamo. Alla fine dei conti, Google ci premierà almeno un po’ e lo faranno ancor più i nostri lettori, se avremo offerto loro qualità e valore.

La visibilità ce la prendiamo così…

È il momento di creare una buona rete di link, puntando principalmente a link che convertono. In poche parole, è sempre meglio averne “pochi” ma buoni, piuttosto che 100mila senza senso. Dobbiamo scegliere siti di qualità per piacere a Google e, nel contempo, dei siti che possano realmente mandarci un buon volume di traffico in più e migliorare la percezione degli utenti nei confronti del nostro del brand.

Come dice quel vecchio (e brutto) detto, dobbiamo cercare di “prendere due piccioni con una fava”= tanti vantaggi con un link (anche se ovviamente dovremo averne non solo uno, ma molti di più, facendoli aumentare gradualmente).

In base a questi presupposti, è ovvio che dobbiamo fare un’attenta selezione dei siti web ai quali chiedere la possibilità di ottenere un backlink, individuando il nostro target e scegliendo i portali dove effettivamente potremmo trovare il nostro pubblico di riferimento. Quando i tuoi link convertono, significa che hai davvero fatto un buon lavoro e, tranquillo/a, anche Google se ne accorgerà!

Dato che al giorno d’oggi, la link buiding ha aperto un mercato di compravendita backlink, a maggior ragione dobbiamo scegliere bene i siti, pensando appunto non solo al modo di apparire più autorevole agli occhi di Google, ma anche a puntare sempre su un link che converta, riportando l’investimento nelle nostre tasche, insieme a tanta soddisfazione.

Pensa più a te, ai tuoi lettori e ai tuoi potenziali clienti… e meno a Google!

È giusto pensare al posizionamento e farsi in quattro per piacere a Google, ma dobbiamo anche rilassarci un po’, vivere e lasciarci andare nella scrittura, pensando più a chi legge piuttosto che ai bot che faranno la scansione.

Certo, la SEO aiuta, così come nello specifico la link building, ma non dobbiamo andare avanti con i paraocchi, guardando solo verso le prime posizioni e dimenticandoci del resto! In fondo, è inutile stare lassù se poi non conquistiamo chi legge…

Per quanto riguarda la link building, ricorda inoltre che a farci guadagnare nel lungo termine sono le conversioni e non solo il posizionamento sui motori di ricerca. Ecco perché dovremmo cercare il sito a cui chiedere il backlink principalmente in base al nostro target e ai nostri obiettivi. Tuttavia, non dimenticarti neanche di controllare che i siti in questione siamo sempre mobile-friendly e che, per ottenere link, dobbiamo saperci connettere, relazionarci con gli altri e interagire sui social media. Con questa attitudine, le collaborazioni più interessanti nascono spesso spontaneamente.

Infine, per la tua link building, crea contenuti di valore e molto utili al tuo target di riferimento, usa valide campagne pubblicitarie capaci di sostenerti e aiutarti nella diffusione dei tuoi contenuti e, soprattutto, goditi il tuo lavoro, senza stressarti pensando troppo al posizionamento: se fai le cose per bene e con passione, alla fine arriverà da sé!



Lascia un commento o condividi una tua opinione!