Contenuti di qualità: cosa sono davvero e perché funzionano?

Contenuti di qualità: cosa sono davvero e perché funzionano?

Si sente spesso parlare di contenuti di qualità e di frasi note come “content is king”, proprio come scriveva Bill Gates nel 1996, non è vero?

Sicuramente, e soprattutto se hai deciso di abbracciare la digitalizzazione e/o di usare il mondo del web per crearti una carriera importante e soddisfacente, sai che non è affatto sbagliato proporre contenuti di qualità… Anzi! Al contrario, è fondamentale e si rivela uno dei primi passi per sfruttare internet come si deve. Ma cos’è realmente un contenuto di qualità?

Non solo parole, ma anche tante idee, un certo tono e informazioni di valore…

Non si tratta di un testo semplice e non si tratta neanche solamente di un testo. Infatti, attualmente, quando si parla di contenuti, s’intendono gli articoli scritti (come appunto quelli di questo blog), ma persino i video, le immagini, le infografiche, gli slideshows… Tutto ciò che è contenuto in una pagina web (così come nelle altre tipologie di pagine che siamo abituati a sfogliare offline) è, per l’appunto, un contenuto. Pertanto, ogni minimo dettaglio può fare la differenza.

Tuttavia, i contenuti di qualità sono molto di più: devono avere delle particolari caratteristiche e, sostanzialmente, proporre informazioni di valore e di qualità.

Sì, lo sappiamo, questa storia l’hai già sentita più e più volte e, anche senza dirtelo, avresti saputo che, chiaramente, se non offri qualcosa di importante all’utente, egli perderà l’interesse e mollerà il sito. Quello che vogliamo dirti oggi, però, è molto più complesso.

Infatti, certamente le informazioni e la qualità del testo (e di tutte le altre tipologie di contenuti) sono importanti, così come la SEO e la promozione dei contenuti tramite i social e le varie strategie di web marketing. Ad ogni modo, la verità è che un contenuto qualitativo deve comunicare, emozionare e coinvolgere.

contenuti di qualità

Per fare tutto questo, le parole “da sole” servono a poco! È necessario invece:

1.Metterci la personalità: se il tuo testo è uguale a tanti altri, perché i visitatori del tuo sito dovrebbero leggerlo e condividerlo, o magari passare a un acquisto o a una richiesta di informazioni? Perché dovrebbero tornare proprio sul tuo blog? Non a caso, parliamo spesso di brand identity e personal branding…

2.Raccontare e raccontarsi. Lo storytelling è una parte vincente di molti contenuti di qualità, soprattutto aziendali. Coinvolge, cattura l’attenzione e crea le fondamenta di un rapporto di fiducia con l’azienda e/o il professionista in questione.

3.Sapere con chi stai parlando… A chi ti stai rivolgendo? Chi sono i tuoi lettori? Come devi parlare con loro (dare del tu o del voi, essere formale o informale)? Cosa vogliono sapere i visitatori del tuo blog? Questi dettagli sono fondamentali e consentono di scrivere ogni volta un contenuto di qualità, in particolare per il proprio target di riferimento.

4.Avere tante idee. Proprio per questo, quando si scrive per un blog, un po’ di passione non guasta. Infatti, la passione ti spinge a provare, a reinventarti, a proporre sempre qualcosa di diverso dagli altri e… ti lascia poche volte a corto di spunti e argomenti!

5.Pensare a come differenziarti dalla concorrenza e a cosa proporre di innovativo, nuovo e fresco. Potrai anche parlare della stessa tematica affrontata da altri, ma qualche consiglio, esperienza personale, informazione e approfondimento in più e che il lettore non si aspetta, a volte, sono l’arma migliore per rendere il tuo contenuto più particolare e coinvolgente rispetto a un altro.

Con questi presupposti, possiamo creare contenuti di qualità che funzionano… ma perché funzionano?

Al giorno d’oggi, funziona ciò che coinvolge e ciò che scatena dentro di noi un sentimento, una sensazione, una curiosità.

Un testo vincente può far nascere un sorriso o un senso di empatia, può far scattare l’immaginazione o una risata, può scatenare la voglia di acquisire una maggiore consapevolezza o di provare qualcosa di diverso dal solito… è proprio questo quello che funziona e che rende un contenuto di elevata qualità. Ci vuole quell’ingrediente segreto che va ben oltre la semplice “informazione” o “consiglio”.

Un testo privo di personalità e di quel qualcosa in più non può portarci ai traguardi per noi importanti: non fidelizza e non incuriosisce abbastanza, non fa mettere il lettore nei panni di chi scrive… né tantomeno gli consente di immaginare quello che sta leggendo o di riflettere sulle informazioni appena trovate. Probabilmente, gli ha lasciato “l’essenziale”, ma niente di più. E quel “di più”, in un mondo virtuale pieno di contenuti, serve eccome!

Di certo ci vorrebbero molte più parole per descrivere i fattori che portano i contenuti di qualità a ottenere un notevole riscontro e a comportare importanti risultati. Tuttavia, la maggior parte delle volte possiamo riassumere tutto in 2 parole: valore ed emozione. Se riesci a mettere questi due elementi in ogni tuo contenuto, con l’aggiunta di un po’ di SEO e di valide strategie promozionali, potrai offrire qualità, ma anche molto di più. Non è questo quello che vuoi?



Lascia un commento o condividi una tua opinione!